Massa-Carrara bonifica amianto

Massa-Carrara bonifica amianto

Documentazione tratta dal sito del comune di Massa-Carrara.

Bando contributi rimozione amianto. Pubblicato un bando pubblico per l’assegnazione di contributo a fondo perduto  a favore di privati per interventi di rimozione e smaltimento dell’amianto da manufatti, fabbricati ed edifici civili, produttivi, commerciali/terziari e agricoli.L’importo del contributo massimo erogabile è di trecento euro. Per accedervi è necessario presentare una domanda, compilata su modulo predisposto e completa degli allegati previsti dal bando,  all’Ufficio Protocollo del Comune entro il 28 ottobre 2015.Le domande saranno esaminate da un’apposita Commissiione che elaborerà una graduatoria tenendo presente l’ordine cronologico delle domande pervenute.Per ulteriori informazioni ci si può rivolgere agli uffici del Settore Politiche tributarie – Ambiente (contatti indicati nel bando).

Allegato Dimensione
Bando amianto.pdf 49.81 KB
domanda amianto.pdf 59.26 KB
informazioni.pdf 45.41 KB

Video in cui si parla del problema amianto a Massa-Carrara.

Vivere nell’amianto a Carrara • Muckrakers.it.Caricato il 16 gen 2010.  Va avanti da quasi sei anni la battaglia dei residenti di sei condomìni della zona Peep di Bonascola contro le coperture in eternit e le loro fibre di amianto. Un vero e proprio pericolo per la salute. Infatti, i tetti, dopo 25 anni dalla loro costruzione, sono deteriorati, e i cittadini reclamano un intervento dell’amministrazione per debellare questo gravissimo problema. Sono anni che il signor Martini, insieme ad altri residenti, si rivolge al Comune di Carrara e all’Erp per cercare di eliminare questo spaventoso pericolo per la salute, e sono anni che riceve sempre la stessa risposta: i soldi non ci sono. È senza alcun dubbio una priorità questa, e il fatto che non si riescano a trovare soldi per tutelare la salute delle persone è piuttosto triste per una città civile come Carrara.

Massa-Carrara è una città della Toscana che presenta una concentrazione di coperture in lastre di eternit con amianto e di coibentazioni in amianto friabile presenti negli scantinati di molti edifici avvolte sulle tubazioni degli impianti di riscaldamento.

La normativa regionale, consultabile a questo indirizzo, si prefigge i seguenti obiettivi:

  • predisporre un quadro conoscitivo della situazione, anche valutando i risultati degli interventi normativi precedenti;
  • rilevare, con il supporto di ARPAT, le situazioni di pericolo derivanti dalla presenza di amianto, anche attraverso il completamento della mappatura dei siti interessati dalla presenza di amianto, sia di origine antropica che naturale;
  • predisporre specifiche azioni di prevenzione e tutela con l’obiettivo della messa in sicurezza dai pericoli derivanti dalla presenza di amianto, con priorità per i siti con priorità più elevata;
  • controllare le condizioni di salubrità ambientale e sicurezza del lavoro;
  • verificare le attività di smaltimento, messa in sicurezza e bonifica dei siti e delle zone inquinate dall’amianto;
  • incentivare e promuovere iniziative volte a rimuovere i materiali contenenti amianto;
  • prevedere specifici contributi regionali per l’individuazione dei siti idonei di smaltimento dei rifiuti contenenti amianto;
  • predisporre corsi di formazione ed aggiornamento per gli operatori addetti alla rimozione e allo smaltimento e operatori coinvolti nelle attività di vigilanza e controllo.

Sospetta presenza di amianto nel suo immobile a Massa-Carrara ? che fare?

Per edifici di Massa-Carrara costruiti prima del 1994, occorre un po’ più d’attenzione, in caso di ristrutturazione, riparazione o lavori di risanamento è possibile ancor oggi riportare alla luce materiali contenenti amianto. Per questo motivo è fondamentale saper riconoscere i materiali contenenti amianto e sapere come intervenire se si sospetta la presenza di amianto. L’amianto non è ancora scomparso dalle case e dagli appartamenti; se in un edificio è presente del materiale contenente amianto, bisogna adottare adeguate misure per proteggere la salute degli occupanti da un’eventuale contaminazione. L’urgenza di una misura a tutela della salute si valuta sulla base di numerosi fattori per questa ragione, le valutazioni del caso devono essere svolte da personale qualificato e competente.